Sterilizzazione e sicurezza

Per evitare la contaminazione crociata tra paziente e paziente di batteri e virus adottiamo le più rigorose procedure di prevenzione utilizzando sempre prodotti monouso (aghi, siringhe, fiale, lame da bisturi, guanti) e attrezzature che vengono deterse e sterilizzate. Dopo ogni utilizzo gli strumenti vengono immersi in un liquido disinfettante all’interno di una vasca ad ultrasuoni; successivamente vengono posti in un apparecchio chiamato “termodisinfettore” che li deterge accuratamente ad una temperatura che va da 65 gradi a 93 gradi a seconda delle esigenze.
Successivamente tutti gli strumenti vengono imbustati e immessi nella sterilizzatrice a vapore o autoclave, ove vengono portati ad una temperatura di 135 gradi per 30 minuti.

Il confezionamento degli strumenti all’interno delle buste serve a garantire la loro raggiunta sterilità al termine del ciclo di sterilizzazione.
-SICUREZZA: Particolare attenzione viene posta nell’attuare ogni misura necessaria per evitare infortuni e diminuire i rischi derivanti dall’uso delle apparecchiature elettromedicali: tutte le attrezzature sono certificate CE ed adeguate alle norme di sicurezza della legge 626 e della direttiva 93/42. Tutto il personale operativo è dotato di protezioni individuali di frequente sostituzione. Vengono effettuati controlli e verifiche periodiche da parte di un addetto specializzato che ne verifica il corretto funzionamento e la buona qualità. L’impianto elettrico e la messa a terra sono adeguati alle nuove normative e certificati.